La parola del martedì – [10] Dieci

La parola del martedì – [10] Dieci

La Tetraktys pitagorica: per Pitagora e i suoi seguaci il dieci era il numero perfetto.

Oggi è il 26 e ancora si respira l’aria del Natale, si mangiano gli avanzi del cenone e si gode ancora della compagnia dei parenti a cui si vuole bene. Ma oggi è festa anche per un altro motivo: questa rubrica compie dieci settimane e di rimando anche il blog è online dallo stesso tempo. Perciò oggi parleremo di questo numero.

dièci (ant. dièce) agg. num. card. [lat. dĕcem]. – Numero successivo al nove, composto di cinque più cinque unità (in cifre arabe 10, nella numerazione romana X), corrispondente cioè alla somma delle dita nelle due mani dell’uomo, e per questo assunto dalla maggior parte dei popoli come base del sistema di numerazione ordinario: d. anni, d. chilometri, ecc. Come s. m., il numero 10: i multipli del d., puntare sul d., prendere d. in matematica; giocare il d. di picche; e sottintendendo un altro sostantivo (giorno, anno, ecc.): l’udienza è stata rinviata al d. di giugno; è nato nel ’10 (per es., del 20° sec., nel 1910). Al plur., in denominazioni storiche: i D., collegio di dieci membri che governò Atene dopo la caduta dei Trenta tiranni fino al ritorno della democrazia (tra il maggio e l’ottobre del 403 a. C.); i D. di Balìa, magistratura fiorentina dei sec. 14° e 15° che entrava in funzione in tempo di guerra, assommando ogni potere; il Consiglio dei D. (v. consiglio, n. 5 e). Con valore approssimativo o indeterminato, per indicare genericamente una quantità notevole: lavorare, mangiare per dieci. Come s. f. pl., le d., le ore 10 (del mattino, o le 22 della sera).

http://www.treccani.it/vocabolario/dieci/

Dieci sono le dita delle nostre mani che da sempre noi sfruttiamo per contare.

Ma cosa ha di speciale il dieci? Sicuramente tante cose: una tra queste è che da sempre lo associamo a qualcosa di finito, compiuto e perfetto.

Tutto nasce dai Pitagorici: per essi il dieci era sacro e sulla Tetraktys facevano il giuramento per entrare nella scuola. Inoltre a ogni livello della tetraktys corrisponde uno dei quattro elementi:

  • 1º livello. Il punto superiore: l’Unità fondamentale, la compiutezza, la totalità, il Fuoco
  • 2º livello. I due punti: la dualità, gli opposti complementari, il femminile e il maschile, l’Aria
  • 3º livello. I tre punti: la misura dello spazio e del tempo, la dinamica della vita, la creazione, l’Acqua
  • 4º livello. I quattro punti: la materialità, gli elementi strutturali, la Terra.
Il dieci nella Tavola Periodica degli elementi corrisponde al Neon.

Poi il dieci, quando abbiamo importato il sistema di numerazione araba, è diventato la base con cui noi contiamo. Questo numero inoltre è quello delle dita delle mani, primo abaco che l’uomo ha usato, e perciò ci ispira un senso di compiutezza, visto che oltre si inizia a contare in maniera più astratta.

Il dieci inoltre nella Tavola Periodica degli elementi è il numero del Neon, che è un gas nobile: esso avendo completato tutti gli elettroni del guscio esterno non reagisce con nessuno, insomma è come se fosse perfetto.

Dieci è anche il numero dei comandamenti che Mosè ha ricevuto sul Monte Sinai da Dio e perciò è un numero sacro anche nella religione.

Ma a noi di Miniminella Books cosa rappresenta il 10? Rappresenta dieci settimane di vita del blog, dieci parole del martedì e l’auspicio che porti fortuna e si raggiunga a raddoppiare questo numero così importante.

La parola del martedì – [10] Dieci
Vota questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *