La parola del martedì – [12] Comico

La parola del martedì – [12] Comico

Oggi voglio parlarvi di commedia e di comici, perché, chi mi conosce bene sa che io sono comico per due motivi. Ma prima di svelarvi qualcosa di nuovo su di me vediamo insieme la definizione dalla Treccani.

Dante usa un registro linguistico medio per la sua Commedia perché l’argomento non era alto per usare quello aulico, ma neanche basso da usare un registro da taverna.

còmico agg. e s. m. [dal lat. comĭcus, gr. κωμικός (v. commedia)] (pl. m. –ci). – 1.agg. Di commedia, relativo alla commedia: scrittorepoeta c.; attore c.; teatro c., che è anche la raccolta delle commedie di uno o più autori; compagnia c.; sostenere una parte c.; il genere c.; stile c., per Dante, lo stile adatto alla commedia (come questa era concepita al suo tempo) e cioè medio tra lo stile tragico e quello elegiaco. 2. agg. Che è proprio o fa parte della commedia o di rappresentazioni del genere comico: una scenauna scenetta c., uno sketch c.; trovatesituazioni comiche. Per estens., di fatto o situazione della vita comune, che suscita il riso, buffo, singolare: un abbigliamento veramente c.; era davvero una scena c.; il lato cdella faccendaè comica!, di cosa che ci appare buffa nella sua stranezza. 3. s. m. a. Scrittore di commedie: il più grande cdel secolo (in questo senso, più com. commediografo). b. (f. –a) Attore di commedia, attore che sostiene parti comiche in spettacoli teatrali, o anche in film: uno dei cpiù famosi del teatro italianoi cdel varietàdel circodel film mutovengo ad avvertire il signor poetaanche a nome delle altre comicheche … noi con la signora Medebac non ci recitiamo più (P. Ferrari). c. Comicità: il senso del c.; c’è del cin tutto questo. ◆ Avv. comicaménte, in modo comico: parlareatteggiarsigestire comicamente.

http://www.treccani.it/vocabolario/comico/

La Stand-Up Comedy è la mia preferita.

Ma ora vi svelo qualcosa su di me. Comico, nel senso che lo intendeva Dante, è il mio registro linguistico solito: mi piace usare termini anche ricercati, ma senza mai sfociare in aulicismi troppo marcati. E poi comico è il mio stile di vita, una comicità che vuole un po’ prendere in giro ogni cosa per esorcizzarla, per renderla viva anche con il riso. Non vuol dire che io viva ridendo tutto il giorno ma aiutandomi con le risate, con la comicità sia nella vita, sia nella letteratura, sia per il resto. Quindi per me è una parola magica, che ha radici profonde nella storia, ma la chioma verso il sole e la gioia.

E voi che mi dite?

La parola del martedì – [12] Comico
Vota questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *