ISBN – Il codice fiscale di un libro

ISBN – Il codice fiscale di un libro

Esempio di codice a barre con l’EAN e l’ISBN.

Oggi è l’ultimo giorno della Challenge e ho fatto un piccolo cambio di programma: dovevo parlarvi di Cortazàr e de Le Ragione della Collera, ma poi mi è venuta l’idea di raccontarvi dell’anagrafe dei libri. Non vi siete mai chiesto cosa sono i numeri che trovate dietro ogni libro?

Parliamo di ISBN, ovvero il codice fiscale di un libro. Prima di andare avanti leggiamo la definizione che si trova nel sito.

L’ISBN – International Standard Book Number – è un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o una edizione di un titolo di un determinato editore.
Oltre a identificare il libro, si attribuisce a tutti quei prodotti creati per essere utilizzati come libro.
L’ISBN – a partire dal 1° gennaio 2007 – è formato da un codice di 13 cifre, suddivise in 5 parti dai trattini di divisione.

Ogni parte del codice è a sua volta un codice minore che va a comporre il codice fiscale del nostro libro.

  1. Le prime tre cifre sono quelle che, nella rappresentazione a barre del codice ISBN nel sistema GS1, identificano il mondo del libro e sono 978 e 979.

    Crediti @ isbn.it
  2. La seconda parte è il numero che identifica il gruppo nazionale, linguistico o geografico e viene attribuito a ciascuna Agenzia nazionale dall’ISBN International Agency e può avere da 1 a 5 cifre.
    Il prefisso dell’area linguistica italiana è associato a editori con sede legale in Italia, Svizzera Italiana, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano, indipendentemente dalla lingua di pubblicazione.
    I prefissi dell’area linguistica italiana sono l’88 (per il 978) e il 12 (per 979).

    Crediti @ isbn.it
  3. La terza parte è il prefisso editore: è un numero che identifica un singolo editore o marchio editoriale all’interno di un gruppo linguistico. Viene attribuito dall’Agenzia ISBN per l’area di lingua italiana e può avere da 2 a 6 cifre in base al gruppo di riferimento.
    A editori con un’ampia produzione di titoli viene assegnato un prefisso editore composto da meno numeri, mentre a editori con una minore produzione viene assegnato un prefisso editore più lungo. Questo perché più é breve il prefisso editore, maggiore é il numero di identificativi del titolo e quindi di codici ISBN disponibili e viceversa.

    Crediti @ isbn.it
  4. La quarta parte del codice é il numero di identificazione del titolo. Poiché ogni ISBN è composto da 13 cifre, rimarranno le cifre rimanenti meno una (la cifra di controllo che vedremo al punto 5): ecco perché editori più importanti e grandi hanno prefissi più piccoli, così da liberare più spazi.

    Crediti @ isbn.it
  5. La quinta parte del codice ISBN è Il numero di controllo. E’ una garanzia contro i possibili errori dovuti alla trascrizione manuale e può variare da 0 a 9, secondo un algoritmo prestabilito.
    Crediti @ isbn.it

    Crediti @ isbn.it

Quindi ogni libro, di qualsiasi genere, è identificato univocamente come abbiamo visto sopra: come ognuno di noi ha un codice fiscale che dice chi è, quando e dove è nato.

Non è una cosa romantica? Non è come se ogni storia fosse viva?


https://it.wikipedia.org/wiki/ISBN#Prefisso_EAN

http://www.isbn.it/CODICEISBN.aspx

https://it.wikipedia.org/wiki/Codici_ISBN_degli_editori_italiani

ISBN – Il codice fiscale di un libro
Vota questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *