La parola del martedì – [17] Passe-partout

La parola del martedì – [17] Passe-partout

Una chiave passe-partout, ovvero una chiave che apre tutte le serrature.

Le parole sono passe-partout. Non so se siete d’accordo con me, ma ciò che noi diciamo o scriviamo può esserci d’aiuto, ferire, consolare, ringraziare e mille altre cose. Ognuna di esse è poliedrica, possiede un significato ma può essere usata in  molti modi e con molte sfumature. Prima di continuare vediamo cosa significa passe-partout.

passe-partoutpas partù› s. m., fr. (propr. «passa dappertutto»). – 1. a.Chiave che serve ad aprire parecchie serrature (per es., quella di cui è munito il personale di servizio negli alberghi), comunella. b. fig. Sistema per ottenere facilmente ciò che si desidera o per risolvere qualsiasi problema: finalmente ha trovato il passepartout che gli occorreva. 2. Pezzo di cartone, spesso foderato di tela, velluto, o altro, tagliato in modo da costituire un margine più o meno ampio fra un quadro, un disegno, una stampa, ecc., e la cornice.

http://www.treccani.it/vocabolario/passe-partout/

Le parole sono chiavi che possono aprire ogni porta e cornici per i nostri per i nostri momenti preziosi. Sono come gioielli, diamanti eterni, ma anche fiori caduchi, dal profumo inebriante. Sono anche il sistema per raggiungere i nostri scopi, ci possono innalzare, fare la nostra fortuna o la nostra sfortuna, ci possono affossare o essere d’intralcio ai nostri passi.

Giochiamo con le parole, contribuiscono a renderci uomini, alla nostra storia e fanno da interfaccia tra le idee e il mondo reali. Anche se possono essere lama affilata o mano che accarezza, sono ciò che ci rendono grandi. Amate le parole, sono davvero dei passe-partout.

La parola del martedì – [17] Passe-partout
Vota questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *