Forest Stewardship Council, per gli amici FSC

Forest Stewardship Council, per gli amici FSC

Avete mai letto un libro fino in fondo? Certo mi direte voi, se siamo qui a leggere questo articolo vuol dire che siamo lettori abituali. Ma io voglio chiedervi se leggete ogni segno lasciato sulla vostra copia. Non vi siete mai imbattuti in questo simbolo nelle ultimissime pagine, dove è indicata la tipografia che ha stampato il vostro libro, chiedendovi cosa fosse e perché fosse lì?

FSC: l’ONG che protegge l’ambiente dalla gestione della foresta alle filiere di produzione.

Il Forest Stewardship Council (o brevemente FSC) è un’ONG internazionale senza scopo di lucro, nata nel 1993, che ha dato vita ad un sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello internazionale. Tale certificazione ha come scopo la corretta gestione forestale e la tracciabilità dei prodotti derivati: quindi il logo di FSC apposto sul prodotto garantisce che esso è stato realizzato con materie prime derivanti da foreste in cui si salvaguardia sia la foresta stessa e l’ambiente, sia la biodiversità ma anche, cosa non scontata,  le popolazioni indigene e le comunità che vivono all’interno. Lo schema di certificazione FSC è indipendente e di parte terza e la sua organizzazione interna permette che non siano solo gli interessi delle aziende che lavorano il legno a prevalere: associazioni ambientaliste e di tutela delle popolazioni indigene, istituiti accademici e singoli membri hanno lo stesso peso. Inoltre le ispezioni sono effettuate da oltre 30 enti di certificazione in tutto il mondo, così da rendere la certificazione stessa indipendente dall’associazione.

L’organizzazione interna

L’FSC raccoglie fra i propri membri un insieme eterogeneo di società commerciali, organizzazioni ambientaliste e della società civile, comitati, associazioni e membri individuali. Tutte queste realtà poi sono suddivise in tre camere (Chamber) a seconda del campo specifico di interesse:

  • Camera sociale (Social Chamber): raggruppa organizzazioni che lavorano nell’ambito del sociale, associazioni indigene ed istituti accademici, ricercatori e tecnici che abbiamo manifestato un impegno a favore di un utilizzo socialmente etico dei prodotti forestali.
  • Camera ambientale (Environmental Chamber): raggruppa ONG ed associazioni ambientaliste, istituti accademici, ricercatori e tecnici che abbiamo manifestato un impegno a favore di uno sfruttamento ecosostenibile delle foreste.
  • Camera economica (Economic Chamber): produttori e commercianti di legname e di prodotti derivati, associazioni di consumatori, enti ed istituti di certificazione, società di consulenza.

Per assicurare che non vi siano squilibri di potere tra le camere si utilizza un sistema di votazione pesato, in cui ciascuna di esse rappresenta 1/3 dei voti. Ogni camera è poi ulteriormente suddivisa in due sottocamere (Subchambers), denominate North (Nord) e South (Sud), ciascuna delle quali conta per il 50% dei voti nella camera di appartenenza (16,67% sul totale). Alle organizzazioni afferenti ad ogni sottocamera viene dato il 90% dei voti (15% sul totale), mentre il restante 10% (1,67% sul totale) va ai membri individuali. (Fonte Wikipedia)

Questa organizzazione concilia bene gli interessi di tutti: le aziende che sfruttano il legno hanno il giusto peso senza tutelare eccessivamente i loro interessi a svantaggio dell’ambiente e delle popolazioni indigene e delle comunità; le associazioni ambientaliste lavorano a salvaguardia della biodiversità e dell’ambiente in generale senza però andare troppo contro al commercio di legname e infine le associazioni che tutelano la sfera sociale integrano le comunità all’interno delle discussioni e dello sfruttamento attivo della foresta, ambito che troppo spesso si dimentica.

Vantaggi della certificazione

Un esempio di certificazione. Si può risalire al certificato di ogni azienda/associazione sul sito di FSC. Noi abbiamo scelto la tipografia ELCOGRAF S.p.A.

Nei suoi oltre 20 anni di attività FSC si è conquistata la reputazione di sistema di certificazione forestale credibile e rigoroso. Ecco perchè acquistare prodotti certificati FSC ha innumerevoli vantaggi, per le aziende e per i consumatori. Il più importante è il rispetto dell’ambiente e della nostra Terra, delle comunità indigene che spesso sono maltrattate ed estirpate dai loro luoghi d’origine.

Dieci sono i principi alla base della gestione forestale di FSC che portano alla certificazione:

1. Rispetto delle leggi

2. Diritti dei lavoratori e condizioni di lavoro

3. Riconoscimento e tutela diritti popolazione indigena

4. Salvaguardia del benessere delle comunità locali

 5. Benefici derivanti dalla foresta

6. Valori ed impatti ambientali: conservazione servizi ecosistemici

 7. Attuazione di un piano di gestione forestale

8. Monitoraggio e valutazione

9. Salvaguardia degli Alti Valori di Conservazione (HCV*)

10. Implementazione delle attività di gestione (in conformità con P&C FSC…)

Tipi di certificazione

FSC rilascia tre tipi di certificazioni: Gestione Forestale (Forest Management, FM), Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC) e Legno Controllato (Controlled Wood, CW). Perché troviamo tre tipi e non solo il marchio? I diversi tipi di certificazione sono collegati alle differenti componenti dei prodotti forestali, le fasi di produzione ed il successivo avanzamento dei prodotti attraverso la catena di custodia. FSC presidia tutta la filiera: dal seme al prodotto in commercio. Perciò certificato e marchio sul tuo libro garantiscono il rispetto dell’ambiente dalla foresta alla tipografia.

Ma ora entriamo un po’ più nel merito e prendiamo in prestito le parole e le immagini da FSC Italia.

Certificazione di Gestione Forestale

Certificazione di Gestione Forestale

Viene rilasciata ai gestori forestali ed ai proprietari le cui pratiche di gestione soddisfino i requisiti dei Principi e Criteri FSC. (Scopri di più)

Certificazione di Catena di Custodia

Certificazione di Catena di Custodia

Garantisce il materiale certificato FSC ed i prodotti derivanti lungo tutta la catena di rifornimento, dalla foresta al negozio. (Scopri di più)

Legno Controllato

Certificazione di Gestione Forestale

Questa categoria è stata studiata per permettere alle aziende di evitare quei tipi di legno considerati “non accettabili”, perché violano le norme di FSC e inquinano l’ambiente. Il Legno Controllato è una categoria a parte del sistema di FSC: sebbene non sia certificato FSC, il legno controllato non può essere raccolto illegalmente; raccolto in violazione dei diritti tradizionali e delle popolazioni indigene; raccolto in foreste dove i valori elevati di conservazione (HCV) sono minacciati; raccolto in foreste che vengono convertite in piantagioni o in uso non forestale; raccolto in foreste dove vengono piantati alberi geneticamente modificati.  (Scopri di più)

Marchi FSC

E arriviamo a noi consumatori di carta (ma anche di altri prodotti che derivano dal legno). Come facciamo a riconoscere se un libro, ad esempio, rispetta l’ambiente, ed è prodotto con una filiera controllata? Devo cercare i marchi FSC apposti sui prodotti: essi appaiono sottoforma delle cosiddette etichette (labels) di certificazione FSC.

Queste etichette possono essere utilizzate esclusivamente da aziende certificate su prodotti certificati, e forniscono la garanzia che il prodotto che stai acquistando è realizzato in legno o carta da fonti responsabili.
 (Fonte FSC Italia). Sono tre e distinguono tre tipologie di prodotti.

FSC 100%

L’etichetta FSC 100% è apposta su prodotti costituiti esclusivamente da legno/polpa provenienti da foreste certificate FSC.

FSC Riciclato

L’etichetta FSC Riciclato indica che il legno o la carta di cui è composto il prodotto provengono da materiale da riciclo e recupero.

FSC Misto

L’etichetta FSC Misto indica che il legno o la carta all’interno del prodotto provengono da materiale certificato FSC, materiale riciclato e/o legno controllato (non meno del 70% di materiali certificati e materiali riciclati e/o controllati).

Non sempre si trova l’etichetta, soprattutto su prodotti a base legno come gli infissi o i mobili, ma il produttore/venditore lo esibisce al momento dell’acquisto e il marchio si trova nei documenti.

Perché un libro certificato FSC è più importante di uno senza pedigree?

Ancora non lo avete capito? Acquistare un libro che reca il marchio, l’etichetta o la scritta FSC, significa fare del bene all’ambiente, perché la cellulosa di quella carta arriva da una foresta dove non si abbatte con il bulldozer sterminando la fauna, ma si coltiva responsabilmente in accordo con le comunità locali, e per tutta la filiera si mantiene l’attenzione a non inquinare con sostanze termogene, cancerogene o che rechino gravi danni all’ambiente, anche se dagli statuti dei singoli stati sarebbe consentito usarli.

Comprate responsabilmente, perché fate del bene anche a voi due volte: amate la vostra casa rispettandola e vi godete il vostro libro.

Forest Stewardship Council, per gli amici FSC
Vota questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *